L'assente documento

Primo Levi

Chi avrà iniziato a scrivere documenti che iniziano con le parole: "Il presente documento"?

Tutte le volte che apro un file e mi si presentano le tre fatidiche parole, mi scappa la voglia di continuare a leggerlo.

Primo Levi, che oltre a essere un grande scrittore è stato un ottimo tecnico, in una bella intervista rilasciata a Philip Roth dice:

"ho scritto Se questo è un uomo sforzandomi di spiegare agli altri, e a me stesso, i fatti in cui ero stato coinvolto, ma senza precisi intenti letterari. Il mio modello, o se preferisci il mio stile, era quello del weekly report, del rapportino settimanale che si usa fare nelle fabbriche: deve essere conciso, preciso, e scritto in un linguaggio accessibile a tutti i livelli della gerarchia aziendale. Non certo in linguaggio scientifico: del resto, scienziato avrei voluto diventare, ma la guerra e il Lager me lo hanno impedito, e ho dovuto accontentarmi di essere un tecnologo durante tutta la mia vita professionale."

 

Per quale motivo, progressivamente, anche i documenti tecnici hanno perso quello stile asciutto e conciso che consentiva al lettore di capire al volo il messaggio e di distinguere le cose importanti da quelle marginali?

La comunicazione tecnica, secondo una bella e incisiva descrizione trovata sul sito della Society for technical communication, consiste nel comunicare informazioni su argomenti tecnici o specialistici o fornire istruzioni per fare qualcosa utilizzando la tecnologia.

Io temo che una parte di responsabilità sia paradossalmente da attribuire alla tecnologia o, meglio, all'uso distorto che ne abbiamo fatto.

Da quando lo strumento utilizzato per comunicare ha consentito di fare il copia-e-incolla la tentazione della prolissità si è insinuata anche tra i tecnici che, per loro natura, sarebbero persone propense alla concisione. Per impressionare destinatari incompetenti con documenti valutati sulla base del loro peso, invece che del loro contenuto, abbiamo iniziato a scrivere testi ridondanti e a usare terminologie astruse.

I buoni propositi di questo venerdì saranno dunque questi:

  • se quello che voglio dire è già scritto da qualche altra parte, userò un hyperlink invece di un Ctrl-C-Ctrl-V
  • per rivedere quello che ho scritto, farò uso della tecnologia con un avanti-indietro italiano-inglese usando il traduttore Google

Il presente documento -> This document -> Questo documento

Non si legge meglio?!